Cibo e Bibbia, appuntamento all’Ambrosianeum

Cibo e Bibbia, appuntamento all’Ambrosianeum

Mercoledì 6 maggio, un viaggio tra storia e sapori della tradizione ebraica


A pochi giorni dall’inaugurazione di Expo 2015, un incontro (gratuito con obbligo di prenotazione) promosso dall’Ufficio Nazionale del Turismo israeliano insieme a Fondazione Terra Santa, Fondazione Culturale Ambrosianeum e Adac, Accademia delle Antiche Civiltà:


CIBO E BIBBIA
Storia e tradizione si incontrano nell’ambito di Expo 2015

Mercoledì 6 maggio, ore 18.00
Fondazione culturale Ambrosianeum
via delle Ore, 3 – MILANO

 

Introduce
Marco Garzonio, editorialista Corriere della Sera, presidente Ambrosianeum

Coordina
Giuseppe Caffulli, Fondazione Terra Santa

Intervengono
Rav Elia Ricchetti, presidente Assemblea Rabbinica Italiana, « L’educazione della Bibbia ad un cibo responsabile»

Marco Moriggi, professore associato filologia semitica, Università di Catania, «Cibo e Scrittura nella letteratura siriaca delle origini»

Don Luca Bressan, vicario episcopale diocesi di Milano, «Non di solo pane. Il cibo come strumento di relazione e di educazione»

Conclude
Avital Kotzer Adari, Consigliere Affari Turistici, Ambasciata di Israele

 

Seguirà cocktail dai sapori della tradizione ebraica

 


 

Si prega di confermare la propria partecipazione (esibendo all’ingresso copia dell’invito) a:

Mariagrazia Falcone – Ufficio Stampa Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo
Tel. 02804905 – 3386314183
press@israele-turismo.it

 

Carlo Giorgi – Ufficio Stampa
Edizioni Terra Santa
Tel. 0234592679 – 3478101823
giorgi@terrasanta.net

Condividi
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Novità Edizioni Terra Santa

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo