Montagne sacreStoria, mistero e leggenda

Montagne sacre

Storia, mistero e leggenda 


Tutte le culture hanno sacralizzato le vette: la storia delle religioni, la teologia, l’arte, la letteratura e anche la psicologia hanno proposto le loro tesi per provare a spiegarci le motivazioni dell’atteggiamento dell’uomo nei confronti dei rilievi. Ogni tesi ha una sua verità, una propria chiave di lettura per dare un senso alle istanze che possono aver spinto gli uomini ad assegnare, ad alcune montagne in particolare, una caratura sacra, avvolta dal soprannaturale.

In questo libro l’autore ci introduce al rapporto tra la montagna e le religioni, raccontando la storia delle principali montagne dell’Antico e del Nuovo Testamento che sono state teatro di eventi storici, spirituali e leggendari: Ararat, Moriah, Carmelo, Nebo, Armageddon, Masada, Tabor, Golgota e gli altri monti della Bibbia.

Questa è la storia dei luoghi dove l’uomo ha cercato (e sfiorato) il Cielo.




Aperitivo d’Autore:
Montagne sacre
Storia, mistero e leggenda

(Edizioni Terra Santa)

Martedì 6 febbraio 2018
ore 18,30
Libreria Terra Santa
via Gherardini 2, Milano


Partecipano:
Massimo CENTINI, autore del libro, docente di Antropologia culturale, Fondazione Università Popolare di Torino
Francesco PISTOCCHINI, redattore della rivista Terrasanta

Introduce:
Giuseppe CAFFULLI, direttore della rivista Terrasanta

Al termine, piccolo aperitivo offerto ai partecipanti.


Condividi
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Novità Edizioni Terra Santa

Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"