La Fondazione Terra Santa vi augura Buon Natale

La Fondazione Terra Santa vi augura Buon Natale

«La nostra vita di fede è una vita in attesa: sappiamo in cuor nostro che il Messia nato a Betlemme è la risposta di Dio alla nostra attesa»


Vi auguriamo un buon Natale e un felice 2015 con le parole del Custode di Terra Santa, padre Pierbattista Pizzaballa:

«Chi potrà spegnere la sete di amore, di attenzione, di sorriso, di giustizia, di dignità, di verità che il nostro cuore anela per se stesso, e che attende nell’altro? La fede ci insegna a vivere nella speranza: il tempo viene per chi lo sa aspettare.
Dobbiamo lasciarci convertire dal tempo dell’attesa dando ad esso i sogni e le fatiche, il coraggio e la serenità nella concretezza dei giorni. Perché sappiamo che il Cristo che nasce a Betlemme è la risposta di Dio. Solo lui può spegnere la nostra sete, il nostro bisogno di senso. Il nostro essere mancanti, la nostra attesa, possono essere colmati solo dalla sua irruzione. E non abbiamo bisogno di grandi cose per stupirci di fronte a questa incredibile realtà, non dobbiamo cercare questa risposta lontano da noi.

Anche nel nostro Medio Oriente assetato di giustizia e di dignità, di verità e di amore, Cristo si lascia trovare. Non guardiamo all’attesa e alla ricerca errate degli Erode di oggi, ma a quella di cui sono ricchi i Magi. Non guardiamo all’ingannevole scrutare dei segni dei dotti della Gerusalemme di ogni tempo, ma allo stupore che rende pronti e capaci di accoglienza i pastori di Betlemme. Non ascoltiamo le paure del mondo, ma il coro degli angeli che ci annunciano la salvezza»

Il testo integrale del messaggio di padre Pizzaballa è disponibile sul sito della Custodia di Terra Santa.

Condividi
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Novità Edizioni Terra Santa

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo