La Colletta del Venerdì Santo, sostegno alle pietre vive

La Colletta del Venerdì Santo, sostegno alle pietre vive

Si avvicina la Colletta del Venerdì Santo, lo strumento attraverso il quale, ogni anno, la Chiesa sostiene le comunità cristiane che con fatica e coraggio abitano i luoghi della vita, morte e Resurrezione di Gesù


"Là sono le nostre radici, là il nostro cuore". 

La Colletta del Venerdì Santo è lo strumento che la Chiesa si è data per stare al fianco delle comunità cristiane della Terra Santa. Un "piccolo gregge" sempre più provato dagli eventi che si susseguono in Medio Oriente.

La richiesta di contribuire al sostegno della comunità di Gerusalemme risale addirittura ai tempi apostolici, con san Paolo. I papi, nel corso dei secoli, hanno poi confermato e consolidato questa tradizione, affidata in special modo ai Frati minori della Custodia di Terra Santa, presenti in ogni parte del mondo attraverso la rete dei Commissariati.
Una spinta decisiva fu quella operata da Paolo VI, primo pontefice a visitare i luoghi di Gesù. Dieci anni dopo il suo storico pellegrinaggio, con l’esortazione apostolica Nobis in animo del 25 marzo 1974, volle richiamare l’attenzione sulla Chiesa che vive in Terra Santa e sulla necessità di sostenerla nelle sue accresciute necessità, in particolare tramite laColletta universale del Venerdì Santo. 

Anche quest’anno, le Edizioni Terra Santa propongono alle comunità cristiane e agli animatori un agile sussidio per la celebrazione di questa giornata. 
Altre informazioni su questa giornata, e il poster da scaricare, sul magazine online Terrasanta.net
Condividi
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Novità Edizioni Terra Santa

I bambini non perdonano
Vanessa Niri

I bambini non perdonano

Che fine ha fatto l’infanzia al tempo del coronavirus?
Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici
Fabio Pizzul

Perché la politica non ha più bisogno dei cattolici

La democrazia dopo il Covid-19
Mille e un Marocco
Letizia Gardin

Mille e un Marocco

Mangia Viaggia Ama nel Paese più colorato del mondo