Immagini dai Luoghi Santi

Lunedì 22 novembre 2021  |  Cineteca Milano MIC

Lunedì 22 novembre 2021 alle 18 al Museo del Cinema di Milano l'incontro sul restauro dei film prodotti dalla Custodia di Terra Santa di Gerusalemme


In occasione dei cento anni della rivista Terrasanta, nata a Gerusalemme nel 1921, la Custodia di Terra Santa, la Fondazione Terra Santa, il Commissariato di Terra Santa del Nord Italia e la Cineteca di Milano presentano al pubblico dei cinefili e ai tanti amici della Terra Santa IMMAGINI DAI LUOGHI SANTI, una pagina di storia che ha contribuito a diffondere il «messaggio e la grazia dei Luoghi Santi».

Lunedì 22 novembre, alle ore 18, presso la Cineteca Milano MIC (viale Fulvio Testi 121), all’incontro sul restauro dei film prodotti dalla Custodia di Terra Santa di Gerusalemme, interverranno Elena Mosconi, docente di Storia del Cinema dell’Università di Pavia, Matteo Pavesi, direttore della Cineteca di Milano, e Roberto Della Torre, responsabile dell’Archivio film della Cineteca di Milano, che ha curato i restauri delle pellicole.

Nel gennaio 1955, sulla prestigiosa Rivista del Cinematografo, Mario Verdone, tra i maggiori critici cinematografici italiani e docente di Storia e critica del film, dedicava ai Documentari in Palestina un lungo articolo che dava conto dei progetti cinematografici della Custodia di Terra Santa, «un nutrito gruppo di pellicole affidate al veneziano Rinaldo Dal Fabbro». «V’è l’omaggio ai Luoghi Santi – scriveva Verdone –, l’elemento di curiosità e bellezza visiva che essi presentano per chi non ha conosciuto Gerusalemme, Betlemme, Nazaret, che attraverso le pagine dei sacri testi o nella fantasiosa inventiva degli artigiani che allestiscono i più ricchi presepi barocchi». Definiva opere come il lungometraggio Terra di Cristo e i corti Gli ulivi dell’agonia, La valle sotto il mare, Natale a Betlemme, Il lago di Gesù «palpitante materia documentaria» e aggiungeva di non dubitare dell’interesse che avrebbero suscitato fra gli spettatori.

Negli anni Cinquanta, quando varie famiglie religiose e istituti missionari italiani si affacciavano al mondo della celluloide come strumento per incontrare popoli e culture, oltre che per far conoscere la propria opera, la Custodia di Terra Santa non fu da meno. A Milano, presso il suo centro, allora chiamato «di propaganda e stampa» (oggi sede della Fondazione Terra Santa e delle Edizioni Terra Santa), nacque una vera casa di produzione cinematografica. Vennero ideate e realizzate decine di pellicole, in vari formati e varie lingue. Tra queste, Ritorno alle sorgenti (1964), il documentario del pellegrinaggio in Terra Santa di Paolo VI, il primo viaggio internazionale di un Papa in epoca moderna, girato sempre da Rinaldo Dal Fabbro. La produzione del centro milanese proseguì fino alla fine degli anni Ottanta, con la realizzazione dei primi Vhs.

Di quell’impegno, di cui Verdone metteva in luce il valore «spirituale e religioso, ma anche storico, geografico, umano», restano oggi una quarantina di titoli che grazie a un accordo con il Museo del Cinema di Milano sono in corso di restauro e digitalizzazione.


Locandina film Crociati senz’armi Regia di Rinaldo del Fabbro

A seguire verrà proiettata l’edizione restaurata del film CROCIATI SENZ’ARMI (Rinaldo dal Fabbro, Italia, 1955, 54′). Il film narra le tragiche e drammatiche vicende attraverso i quali i padri francescani riuscirono ad affermare i diritti del cristianesimo in Palestina.


L’iscrizione all’incontro di lunedì 22 novembre alle ore 18.00 è gratuita,
occorre registrarsi collegandosi al link qui sotto
:

Iscriviti


GREEN PASS OBBLIGATORIO


Condividi
email whatsapp whatsapp facebook twitter versione stampabile

Novità Edizioni Terra Santa

Benediciamo il Signore

Benediciamo il Signore

Preghiere per la mensa
La cucina come una volta
Anna Maria Foli

La cucina come una volta

Storie, segreti e antiche ricette da monasteri e conventi
La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

La didattica dell’IRC tra scuola e Istituti Superiori di Scienze Religiose

Verso nuovi modelli per la scuola delle competenze
Un nome e un futuro
Firas Lutfi

Un nome e un futuro

La risposta francescana al dramma siriano dei "bambini senza identità"